La Sardegna in vacanza: le località del Nord Sardegna sul mare

Il mare della Sardegna è abbastanza famoso, ma non se ne parla mai abbastanza, soprattutto quando si devono consigliare località che non sono battute troppo dai turisti (per troppo intendiamo dalla massa) o che comunque ricevono meno attenzioni di posti glamour e da cartolina. Un caso può essere quello della Sardegna settentrionale e delle sue località sul mare. Sono tanti, ogni estate, i turisti che scelgono il cosiddetto “Capo di Sopra” per trascorrere le vacanze: a volte prenotano un hotel sul mare, altre volte cedono al relax e alle comodità di un villaggio, più spesso sono coloro che affittano una seconda casa.

Comunque la si passi, una vacanza sul mare in Sardegna può regalare grandi soddisfazioni, soprattutto quando fa coincidere con il piacere della spiaggia, del tuffo in acqua, quello della scoperta di zone limitrofe o dell’entroterra, legati a particolari valori tradizionali che regalano autentiche scoperte turistiche ed enogastronomiche.

Località del Nord Sardegna sul mare da segnalare:

Togliamoci subito il pensiero: la Costa Smeralda. Croce e delizia del vacanziere aspirante VIP. Una vacanza in Costa Smeralda vale tutti i soldi spesi? Dipende. È vero che il consorzio turistico imperniato su Porto Rotondo (Olbia) e Porto Cervo (Arzachena) riceve sufficiente copertura mediatica, tale da attirarsi gli strali di chi pensa che quella non sia la vera Sardegna, ma è fuori di dubbio che stiamo parlando di un’area dal punto di vista naturalistico pregevole, con il proverbiale mare dalle sembianze tropicali.

San Teodoro è situata a sud di Olbia e offre al turista diversi elementi. Anzitutto è un borgo sul mare. In Sardegna, tranne che in rarissimi casi come a Marina di Torre Grande, Bosa, Carloforte, non esiste la tradizione dei villaggi di pescatori tipici della Sicilia. Il rapporto dei sardi col mare è sempre stato piuttosto complesso. Tuttavia si possono trovare centri fatti apposta per il turista come San Teodoro. In inverno è un paese di circa 5000 abitanti, ma in estate la popolazione si quintuplica soprattutto grazie al turismo delle seconde case. Le spiagge ci sono per tutti i gusti. Si va dalla chilometrica La Cinta, con una spiaggia perfetta per praticare sport e uno spazio di mare ampio, dove il fondo è basso e sembra di stare in piscina. Altre calette come Cala Brandinchi invece richiamano l’esperienza esotica: più piccola, riparata, con il fondale dalle tinte polinesiane, si è meritata il soprannome di “Tahiti”. A Budoni, Porto Taverna e Posada si trovano spiagge ugualmente meravigliose.

Nella costa occidentale, dalla parte di Alghero e di Sassari i gioielli sono sicuramente Stintino, con la sua spiaggia della Pelosa, un arenile di modeste proporzioni in confronto alla Cinta, ma dal cloro bianchissimo che si insinua fin sulla baia protetta dal promontorio e dall’isola dell’Asinara. A Sassari scendendo dall’Argentiera, c’è Porto Ferro, un tratto selvaggio che ha alle spalle il suggestivo lago di Baratz. Suggestive le torri di avvistamento tipiche delle coste sarde, proprio per la sua asperità non è facile da raggiungere a piedi, ma vale la pena. Alghero ha spiagge rinomate come Le Bombarde e il Lido.

Infine tornando verso il versante nord, risalendo da Stintino si incontrano le spiagge di Platamona, Marina di Sorso e Castelsardo. Quest’ultimo è probabilmente il centro costiero più interessante di tutta la costa, con il suo centro storico e la sua posizione invidiabile. Un tempo castello rinforzato a difesa del lungo tratto di costa del sassarese, oggi è un rinomato centro turistico, con un bel porticciolo per la navigazione da diporto e tanta animazione durante tutto l’anno, con eventi e iniziative.

Santa Teresa e l’arcipelago de La Maddalena rappresentano la punta più a nord dell’isola. L’arcipelago è tutelato con l’istituzione di un parco nazionale marino, che custodisce alcune tra le più importanti spiagge e isole del Mediterraneo. Fanno parte di questi gioielli isolotti come Budelli, Spargi, Spargiotto e l’isola di Caprera, collegata alla principale da un ponte che conserva le reliquie e la casa museo di Garibaldi.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*