In tour a Modena

Il cuore della città di Modena è l’incrocio tra la via Emila e le vie San Carlo e Farini (Quattro Colonne). Non distante sorge il palazzo Comunale, iniziato nel 1194 e rinnovato 5 secoli dopo, aggiungendo la Torre dell’Orologio, con loggia ottagonale e cupola, che prospetta sulla Piazza Grande, la quale a sua volta fiancheggia il Duomo. Questo è dominato dallo splendido rosone gotico di Anselmo da Campione, autore anche dei due portali laterali. La Porta Maggiore è decorata con preziosi bassorilievi di Wiligelmo e risale proprio al primo periodo, con storie della Genesi che si estendono fino alle altre parti della facciata. Nel fianco disposto a sud, sulla Piazza Grande, si estendono la Porta dei Principi e la Porta regia. Presso l’abside sorge il campanile detto la Ghirlandina, costruito insieme al duomo e completato nel 1319 con la sua caratteristica pianta ottagonale della cuspide, slanciata e preziosa. L’interno del Duomo è a tre navate, coperte da volte a crociera su pilastri. Nella cripta sotterranea si venera la tomba di San Geminiano.

Fra gli altri monumenti di Modena vogliamo citare la chiesa gotica di San Francesco, rimaneggiata nel XIX secolo e numerose altre chiese, spesso barocche anche quando sono di antica fondazione. Un ruolo a parte nella compagine urbana di Modena gioca il grande complesso architettonico voluto dalla famiglia Estense. Il palazzo Ducale fu iniziato nella prima metà del Seicento sul luogo del castello, su progetto dell’architetto Avanzini. Oggi è la sede della celebre Accademia Militare dell’Esercito Italiano.

Il Palazzo dei Musei ospita importanti raccolte d’arte dopo essere stato adibito dapprima ad arsenale, quindi ad albergo per i poveri e poi delle arti. Infine il palazzo dell’Università in cui ha sede l’ateneo modenese.

Modena ha molto da offrire anche in termini artistici e storici, con un museo etnografico di una certa rilevanza. Nel palazzo dei Musei sono ordinate la galleria Estense, con collezioni di pittori stranieri tra i quali spicca il celebre ritratto di Francesco I d’Este realizzato dal Velasquez. Il Museo Estense raccoglie tarracotte e oggetti decorativi di varie epoche, così come il Museo Civico che ripercorre la storia della città fino all’epoca moderna. La Biblioteca estense raccogli un ricchissimo archivio bibliografico, con migliaia di volumi e incunaboli. Nell’edificio settecentesco dell’Ospedale Civile ha sede il museo di anatomia, unico nel suo genere, all’interno del percorso dei Musei Universitari. Il museo casa Enzo Ferrari fa il paio con quello di Maranello, dedicato alla vita e alle opere del celebre costruttore di automobili sportive, che ha segnato la storia moderna della città emiliana. Da non perdere per gli appassionati di motori e bolidi di formula Uno.

Il duomo di Modena:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*