Consigli per il microblanding

Consigli sul microblading

Se fatto da persone competenti in centri estetici seri e professionali, come Ajsorelle, il microblading è la tecnica perfetta per dire addio alle pinzette e avere sempre sopracciglia perfette e folte. Ma ci sono alcune cose che dovete sapere e tenere in considerazione, per mantenere sempre al meglio il risultato.

Essere espressivi

Le sopracciglia e gli occhi compongono quella parte del nostro viso che dà l’espressività: tutte le nostre emozioni, dalla rabbia alla tristezza alla felicità, sono manifestate soprattutto attraverso l’arcata delle sopracciglia. E proprio per questo motivo costituiscono una delle più grandi aree di interesse del Make-Up.

Non tutti hanno al naturale le sopracciglia che vorrebbero, motivo per cui passano non poco tempo (circa 15 minuti al giorno, di mattina) per sistemarle districandosi tra scovolini, matite e altri cosmetici.

Ma proprio il desiderio di avere delle sopracciglia sempre al top ha fatto sì che la tecnica si evolvesse, portando al tatoo – ovvero il trucco permanente – e al microblading – che invece è semipermanente – pratiche cosmetiche con effetto realistico.

Delle due quella che garantisce il risultato più naturale possibile è la tecnica semipermanente del microblading, perché è un procedimento che consiste nell’incidere la pelle con delle lame molto piccole che lasciano sedimentare pigmenti dello stesso colore delle sopracciglia di chi si sottopone alla tecnica. Ci vogliono mani esperte, perché solo con gli esperti il risultato è incredibilmente realistico.

Se con questo breve preambolo vi abbiamo incuriosito, e state già per fare le ricerche sul centro estetico più vicino a noi che offre questo trattamento, fermatevi un secondo! Meglio informarsi approfonditamente prima di sottoporvi alla seduta. Quindi eccovi alcune cose che dovete assolutamente sapere per quanto riguarda la tecnica del microblading:

  • Il microblading è semipermanente, non permanente. Nel senso che tale metodo lascia i pigmenti più in superficie rispetto ai Quindi il microblading in media dura tra i sei e i trentasei mesi, in base a molte variabili come tipo di pelle, esposizione al sole e via dicendo. Inoltre, dopo le prime due sedute a distanza di un mese, bisogna sottoporsi a dei richiami ogni sei o dodici mesi, anche qui a seconda del tipo di pelle e delle stesse variabili prima indicate.
  • Attente al vostro tipo di pelle! Per chi vuole ricostruire le sue sopracciglia, coprendone i buchi o ridefinendone l’arcata, il microblading è un sogno. Però ci sono dei tipi di pelle che non reagiscono bene, in particolare quelle unte, con dermatite, psoriasi o eczema. Se poi sanguinate con facilità, la vostra pelle trarrà i pigmenti con molta fatica, e per questo il risultato potrebbe non essere quello che vi aspettavate.
  • La professionalità è tutto. Il microblading non può essere fatto da chiunque, perché va bene l’ultrarealismo, ma solo se fatto da mani esperte! Quindi, proprio come si fa quando si vuole fare un tatuaggio, così per il microblading bisogna informarsi sulla qualifica dell’operatrice che andrà ad incidere la vostra cute. Ricordatevi che si parla del viso, ovvero la prima cosa che vede chiunque entri in contatto con voi: meglio prevenire possibili disastri.
  • Alcune potrebbero provare dolori. Gli operatori mettono sempre della crema anestetizzante locale prima di iniziare con la tecnica del microblading (o meglio, quasi tutti gli operatori). In generale non è niente che non si possa sopportare, ma visto che la soglia del dolore è diversa per ognuno di noi, dovete decidere voi se procedere con o senza crema anestetizzante.
  • Tempo di sedimentare. Subito dopo l’operazione, la resa non è quella che vi aspettate: è anzi molto vistosa, e le sopracciglia appaiono più scure e voluminose del previsto. Ma tutto questo è normale: il colore andrà ad attenuarsi nei giorni immediatamente successivi, e dopo circa due settimane arriverà il risultato finale, quello che avevate scelto.
  • Qualcosa dipende anche da voi. Non dovete pensare di non dover pensare più alle sopracciglia: infatti dopo l’operazione, dovrete curarvi di loro con attenzioni particolari che vi suggerirà l’operatore, esattamente come avviene per i tatuaggi. Dovrete seguire quanto vi viene indicato, applicando le creme, evitando il rischio di sudare in eccesso o di esporre, inizialmente, la faccia ai raggi del sole.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*